venerdì 13 marzo 2015

Cooking #2: Macaron, ritentiamo

Buongiorno!
Come vi avevo preannunciato, dopo il primo disastroso tentativo, che per il bene di tutti non ho documentato, oggi ho riprovato a fare i buonissimi e maledettissimi Macaron.
Esiste un dolce altrettanto buono e altrettanto infame cucinisticamente parlando?

Vi anticipo subito che questo secondo tentativo, non è assolutamente riuscito alla perfezione, ma ciò che ne è uscito è mangiabile e ha una somiglianza notevole con l'originale, quindi mi sento tanto rinfrancata da iniziare con la caccia ad aromi e coloranti per il prossimo tentativo, che potrebbe essere quello buono!


I miei piccoli mostri, ignorate quei brutti cosi crepati e deformi e concentratevi su quelli più carini ;)

Dalla foto si vedono subito le varie problematiche, quindi ecco cosa ho imparato da questo tentativo:


  1. la teglia per Macaron è fondamentale. Quelli che in foto sono tutti crepati sono stati fatti in teglia normale, quelli lisci e tondi in teglia apposita. La differenza direi che è notevole. Io ho quella della Tescoma, che almeno vado sul sicuro, non ho voglia di testare anche le varie teglie. Solo che costa ben 12 euro per un pezzettino di silicone e una non basta, quindi temo di dovermene procurare un'altra (che poi gli spazi sono 35, perchè dispari?!).                                                                                                                      
            
  2. La Sac-a-poche è un'altra cosa fondamentale. Io non la avevo, cioè, non la trovavo, quindi mi sono ingegnata tagliando l'angolo di un sacchetto...ecco, magari è il mio lato Art Attack che è un fallimento ma verso la fine il sacchetto ha iniziato a ribellarsi e sono usciti quei cosi di forme strane. L'impasto va  dosato con il contagocce se no poi si allargano ed escono dalle sagome andando ad unirsi (sono un disastro, lo so)
  3. è fondamentale fare asciugare i Macaron sulla teglia almeno una mezz'ora prima di cuocerli così parte dell'umidità se ne va. Quando li toccate leggermente l'impasto non vi si deve attacare al dito.
  4. Ma penso serva solo a me: la teglia va imburrata! Si, potevo pensarci da sola. Purtroppo ci ho rimesso tutti i fondi dei macaron che sono rimasti saldamente ancorati alla teglia ed è per questo che manca la base frastagliata.
  5. Gli albumi devono essere lasciati in frigo almeno un paio di giorni, freschi sono più difficili da gestire. Con i tuorli io ho fatto la pasta sfoglia per la crostata, così da non doverli buttare.
La ricetta che io ho, non è proprio ottimale, mancano alcuni passaggi, quindi evito di condividerla con voi, si trova un po' ovunque in rete non dovreste avere difficoltà, inoltre prima di decidere quella definitiva volevo sperimentare le varie ganache. Per ora mi sono limitata a una crema al burro insaporita con il cacao, che come consistenza si avvicina, ma credo che quella originale sia fatta con il cioccolato o qualcosa del genere.

Presto ritenterò è lì farò colorati e si spera più carini, poi vi saprò dire e posterò la ricetta che secondo me è la vincitrice!

Intanto sono molto soddisfatti di essere riuscita a fare qualcosa di così simile e fra l'altro buono.
Se anche voi litigate con i Macaron come me, vi lascio il divertente video di questa ragazze, alle prese con i piccoli mostri che mi ha ridato la voglia di tentare, con il giusto grado di divertimento.




Un bacio
Life

5 commenti:

  1. beh, tanto di cappello, io credo che non li farò mai, per me sono irraggiungibili!! Sei stata bravissima, vedrai che con la pratica ti verranno perfetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!
      In realtà sembrano impossibili, poi con la giusta ricetta e la giusta attrezzatura, ci si impratichisce. Non pensavo nemmeno io di essere in grado di arrivarci così vicina!

      Elimina
  2. I've nominated you for The Versatile Blogger Award. You can find all the information about it here in my post about it. http://mountainrhinestones.blogspot.com/2015/03/versatile-blogger-award-2.html

    RispondiElimina
  3. I was just wondering if you know any people with the last name Mongeni. My family is originally from Italy and I'm trying piece together my history.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I don't know where this surname come from, I'm sorry. But you can find a lot of information in the net :) In my region we have a site with all the people died here in the last 3 century.
      Can you find out names or places? I will be glad to help you with some more information :) (and I like this kind of stuff, I'm an archaeologist!)

      Elimina